SICUREZZA

La Lotus Evora è conforme a tutti gli standard e regolamenti in materia di sicurezza, ma in più offre delle prerogative e delle caratteristiche esclusive rispetto ad altri veicoli.

La tecnologia con telaio in alluminio incollato a composizione modulare comporta maggiore resistenza per gli impatti laterali mentre il sistema tubolare in acciaio per l'ancoraggio dei sistemi di ritenuta aumenta la sicurezza dei passeggeri in caso di urti frontali o posteriori.

Il peso limitato della vettura contribuisce inoltre a diminuire la forza cinetica in caso di impatto a vantaggio della sicurezza.Lotus ha condotto i crash test individuali con successo ottenendo risultati superiori alle aspettative: il telaio della Evora, composto da tre sezioni, in nessuno dei crash test effettuati a 50 km/h frontalmente e 80 km/h posteriormente, ha riportato danni al modulo centrale che ospita i passeggeri, rendendo così necessaria la sola sostituzione di quello anteriore e posteriore che includono avantreno e retrotreno.

L'agilità della vettura, l' impareggiabile tenuta di strada ed un impianto frenante eccezionale costituiscono infine un valore aggiunto fondamentale ai dispositivi elettronici di tenuta ed anti slittamento messi a punto in collaborazione con Bosch.

Da sempre gli ingegneri della Lotus dedicano grande attenzione a progettare pianali con caratteristiche tali da garantire guidabilità e tenuta di strada senza paragoni.

Per questo Lotus è diventata un punto di riferimento a livello mondiale nella progettazione di telai per l'industria automobilistica e leader indiscusso nella tecnologia per l'utilizzo di estrusioni in alluminio.

Lotus ha vinto diversi premi per le tecniche innovative utilizzate nella costruzione di questa tecnologia e per buone ragioni: gli estrusi che formano la sua base garantiscono una struttura estremamente rigida, necessaria in un veicolo sottoposto a notevoli sollecitazioni in curva.

Il telaio, progettato per essere il più leggero possibile, fornisce inoltre elevata protezione a guidatore e passeggero utilizzando gli standard di sicurezza più esigenti che ci siano.

Abbiamo cambiato le regole,
la tradizione si rinnova con il telaio modulare.

Il punto di partenza per l'eccezionale maneggevolezza e precisione di guida di Lotus Evora è il suo innovativo telaio modulare, leggero ma incredibilmente rigido. Un telaio così resistente da distorcersi solo di un grado alla pressione di 27.000 Nm. Questa resistenza permette di avere sospensioni più morbide e un maggiore comfort senza compromettere la dinamicità della vettura. Lotus ha un'esperienza unica in questo campo. Il telaio è formato da estrusioni di alluminio incollate con resina epossidica e fissata con rivetti di acciaio per offrire doti di leggerezza, resistenza e sicurezza. I vantaggi che si ottengono nella guida sono ineguagliate doti di tenuta e manegevolezza.

La lavorazione e l'incollaggio delle estrusioni d'alluminio fanno della Lotus l'azienda più avanzata in questo campo e non solo perché è stata la prima ad aver investito in questa tecnologia.

L'Azienda ha creduto in questa innovazione ed oggi, a 15 anni di distanza, questa tecnica è stata sviluppata e migliorata a tal punto che Group Lotus ha fondato una struttura, la Lotus Lightweight Structures con sede nel Worcester, Regno Unito, dove vengono impiegati 120 ingegneri qualificati per la fabbricazione del nuovo telaio della Evora, nonché per i numerosi progetti realizzati su commissione per le altre case automobilistiche.

Il telaio della Evora pur utilizzando questa tecnologia si avvale di ulteriori innovazioni: la sua architettura "Versatile Vehicle Architecture (VVA)" introdotta sul prototipo APX nel 2007, presenta la caratteristica della costruzione modulare che aggiunge alla vasca centrale 2 moduli sacrificali.

È leggero (meno di 200 kg compresi i pannelli) ma robusto. La struttura centrale inoltre presenta doti di solidità per gli impatti laterali di assoluto riferimento. Sulla vasca centrale sono ancorate le strutture antiribaltamento in acciaio tubolare e su di queste gli attacchi per le cinture di sicurezza.

La tecnologia modulare oltre ad essere versatile per le future applicazioni, separa la monoscocca centrale dal retrotreno e dal vano alloggiamento del propulsore aumentando la sicurezza e riducendo i costi in caso di impatti anteriori e posteriori.
Dai crash test effettuati a 50 km/h non è stato mai necessario sostituire il modulo centrale che ospita i passeggeri. Inoltre il telaio della Evora vanta un'elevata rigidità torsionale, basta pensare che è più rigido del 250% di quello di una Elise.

La struttura variabile di questo telaio consente facili modifiche per impieghi futuri. Dal telaio della Evora opportunamente adattato deriveranno le future Lotus.

Sospensioni

L'assetto della Lotus Evora saprà stupirvi: è regolato per essere estremamente neutro e maneggevole sulle superfici irregolari ma perfettamente stabile in curva rioducendo al minimo il rollio. Questa magia si compie grazie ai doppi bracci delle sospensioni di derivazione racing, alle molle Eibach e agli ammortizzatori Bilstein. Lotus ritiene le sospensioni un elemento fondamentale per la performance delle sue auto sportive ed è per questo che, una volta verificata la qualità e regolato l'assetto ideale, imprime il proprio logo su ogni braccio.
La versione Evora S utilizza sospensioni leggermente più rigide per meglio adattarne l'utilizzo in pista o con i pneumatici maggiorati da 19' pollici anteriori e 20' posteriori, il tutto senza sacrificare il confort per l'utilizzo in strada. .

Impianto frenante

lotus evora brembo brakesL'impianto frenante con Abs è completato con sistemi di controllo per la trazione e stabilità messi a punto in collaborazione con Bosch per consentire al guidatore un esperienza di guida sicura in ogni condizioni di guida ma non per questo limitante o meno divertente. I tecnici della Bosch che hanno collaborato per i sistemi di sicurezza hanno definito i dischi dei freni forati ed auto-ventilati come i migliori della categoria. Dopo estenuanti collaudi in condizioni estreme, i dischi da 350mm realizzati per l'avantreno e quelli da 332 mm per il retrotreno con pinze AP Racing a 4 pistoni, non hanno mai mostrato segni di affaticamento.

Le sospensioni Bilstein ad alte prestazioni lavorano su bracci in alluminio forgiato, utilizzano molle Eibach e sono tarate per una guida sportiva ma al contempo confortevole mentre come accessorio è prevista una versione adattiva con assetto regolabile per una guida più dinamica.

«
»


Site map

© 2016 Lotus | Roma - Concessionaria Ufficiale della Lotus Cars Ltd-Group Lotus Plc
Contact Us | Terms and Conditions | Privacy Policy